Translate

"DAIQUIRI" COCKTAIL, storia raccontata da Lelevich



DAIQUIRI


La magia del Daiquiri, dove si mescolano il sole di Cuba e il buio delle sue miniere
Cuba
Il Daiquiri è un cocktail da aperitivo di tipo sour di origini caraibiche a base di rum bianco, succo di lime e sciroppo di zucchero, servito in coppetta da cocktail. È un cocktail riconosciuto ufficialmente dall'IBA, assieme alle sue variante Hemingway Special, una particolare versione creata per il famoso scrittore, che era un grande estimatore del Daiquiri.
Hemingway
Già in voga negli USA ai primi del Novecento, le sue origini vengono fatte risalire al 1898 quando vi fu la guerra tra Stati Uniti e Spagna, dopo l'affondamento della nave Maine nel porto dell'Avana. Secondo gli storiografi un marine sbarcò in un piccolo villaggio nei pressi di Santiago di Cuba, precisamente a Daiquiri. Qui per placare la sete entrò in una baracca che fungeva da mescita. Rifiutandosi di bere rum liscio, lo fece allungare con succo di lime e poi lo corresse ulteriormente con un po' di zucchero. Nacque così il primo "Daiquiri".
"Daiquiri"
Un'altra leggenda, sposta la sua data di nascita nel 1905, pochi anni più tardi, quando alcuni ingegneri americani impegnati nei lavori in una miniera lo inventarono e gli diedero il nome della spiaggia cubana Daiquiri. Successe che l'ingegnere Pagliuchi visitò una miniera di ferro ad est di Cuba chiamata Daiquiri. Qui fece domande all'ingegnere americano Jennings S. Cox , manager della Spanish American Iron Company sul funzionamento della miniera per poterne esplorare altre. 
Jennings S. Cox

Alla fine della giornata, Pagliuchi propose di bere qualcosa. La leggenda narra che Cox avesse a disposizione solo rum, lime e zucchero. Miscelarono gli ingredienti in uno shaker con ghiaccio e Pagliuchi fece: "Come si chiama questo cocktail?". "Non ha un nome...potrebbe essere un rum sour", rispose Cox. Pagliuchi concluse: "Questo nome non è degno di un cocktail così fine e delizioso come il nostro. Lo chiameremo Daiquiri". Dedicandolo alla spiaggia omonima che si trovava nei pressi di Cuba.
Fu probabilmente Constantino Ribalaigua Vert, mentre lavorava come barman al bar El Floridita, a rendere famoso questo cocktail nella sua composizione attuale col nome de La Cuna del Daiquiri.
 bar El Floridita
In ogni caso il Daiquiri è stato uno tra i cocktail più amati da J.F. Kennedy e dal premio Nobel per la Letteratura Ernest Hemingway.
Racconta la leggenda che Ernest Hemingway, entrato per la prima volta al Floridita non si lasciò scappare il primo Daiquiri della sua vita. Lo apprezzò ma in seguito lo volle senza zucchero e con doppio rum. Ecco nato il Papa Doble, il daiquiri alla maniera di Hemingway, che arrivava a berne fino sedici al giorno, due bicchieri in mano alla volta, e chissà quale storia in testa.
Il Daiquiri inoltre viene anche ripetutamente citato in moltissimi film tra i quali: "Il Nostro Agente all'Avana" (1958), tratto dall'omonimo romanzo di Graham Greene “Improvvisamente l’estate scorsa” in cui Audrey Hepburn lo offre a Montgomery Clift. 
 "Il Nostro Agente all'Avana"
In “Assassinio allo specchio” tratto dal famosissimo romanzo di Agatha Christie, in cui questo drink, è addirittura uno degli elementi chiave per risolvere il crimine.
“Assassinio allo specchio”
Infine il Daiquiri viene citato anche nel "Padrino II", quando Fedro durante il colloquio col fratello Mike, ne ordina uno.
Padrino II



Ricetta IBA

  • 4.5 cl White rum
  • 1.5 cl Simple syrup
  • 2.5 cl Fresh lime juice

Preparazione


Shake and strain into a cocktail glass.

Come al solito passiamo ai vostri cocktail, abbiamo due ricette molto interessanti un Mango Daiquiri e un Passion Fruit Daiquiri.

 Passion Fruit Daiquiri.
@ciavarro_andrea che lavora come capo barman al "Post Hotel" di San Candido nel bar interno "PLounge_CelebratingLife" dove potete gustare questo ed altri magnifici cocktail.
 Mango Daiquir
@ilgiul definisce questo suo Mango Daiquiri molto minimal ma molto fresh. Adora fare rivisitazioni di questo grande classico soprattutto con i frutti, le sue versioni preferite oltre al classico sono appunto al mango e al Passion Fruit.

Beh che altro aggiungere...se non un ringraziamento a tutti voi che avete letto l'articolo e ai bartender che hanno partecipato. Ah quasi dimenticavo...SALUTE!

Alla Prossima!

-TEAM LELEVICH-

Commenti

Post popolari in questo blog

"NURAGICAMUG" la Tiki Mug italiana dal cuore sardo

Come si valuta il costo di un drink?

“DRINK KONG”,ROMA,cocktail bar MONTI, prezzo e drink PATRIK PISTOLESI