Translate

"MAI TAI" Tiki cocktail, storia raccontata da Lelevich


La Storia del Mai Tai

Negli anni ’50 negli Stati Uniti si diffuse la moda di tutto ciò che raffigurava la Polinesia, in una sola parola: il TIKI. Questa cultura invase tutta la società: cibo, architettura, cocktail, arredamenti, sale da bowling e bar, tutto era in stile tiki! 
Tiki style
Nacquero così i Tiki cocktail i quali venivano serviti in classici bicchieri di ceramica dalla forma di facce o corpi umanoidi: i Tiki della cultura polinesiana erano raffigurazioni di divinità realizzate su rocce o legno, dotate di un grande potere spirituale.
Statue stile tiki
Proprio durante questo periodo uno dei maggiori cocktail più famosi servito in qualsiasi ristorante e bar: era il “Mai Tai” cocktail alcolico a base di rum, curaçao, succo di lime, granatina e orzata in stile popolare polinesiano; considerato quindi la quinta essenza della cultura Tiki.

MAI TAI

Sono due i barman che si contendono la paternità del cocktail, entrambi personaggi molto famosi e che hanno contribuito alla storia del bartending: si tratta di Victor Jules Bergeron ed Ernest Raymond Beaumont-Gantt, meglio conosciuti come Trader Vic e Don The Beachcomber.

Trader Vic

Don The Beachcomber.

Secondo Trader Vic il drink nacque nel 1944. Vic raccontava come in una notte del 1944 presso il proprio locale ad Oakland in California, con l’ausilio del suo bartender, aveva a disposizione del rum Wray & Nephew, del lime, dello sciroppo di zucchero, dell’orzata e del curacao, e creò questo drink per due suoi amici: Ham e Carrie Guild, la quale esclamò “Mai Tai” che in lingua tahitiana significa “il più buono o il migliore” o semplicemente “impressionante”. è certo che il nome Mai Tai sia derivato da un termine tahitiano.

Secondo Don The Beachcomber invece, il drink venne da lui elaborato molto prima, nel 1933 presso il proprio locale ad Hollywood.

Il Mai Tai divenne popolare tra gli anni 1950 e gli anni 1960, fu d'aiuto al suo successo anche la sua apparizione nel film Blue Hawaii interpretato da Elvis Presley
Blue Hawaii interpretato da Elvis Presley
Comparve sulle carte dei cocktail di tutti i bar degli Stati Uniti, in numerose varianti di fantasia, perché la ricetta originale era segretamente conservata nella testa di Donn Beach.
Per evitare di farsi copiare gli ingredienti delle miscelazioni, nei suoi bar, le etichette dei prodotti utilizzati per la realizzazione dei vari drink, venivano sostituite con dei numeri che rendevano impossibile l’identificazione del Rum utilizzato.
Donn Beach
Il Mai Tai di Trader Vic, era molto differente da quello servito da Donn Beach, ma nonostante ciò ha ispirato la creazione dell’attuale ricetta IBA, e la nascita di numerose varianti più o meno valide che si fregiano del nome di Mai Tai in tutto il mondo.
Il motto di Vic era quello di vendere il “paradiso” in un bicchiere, formula che gli garantì il successo immediato:
“Come in ogni tiki c’è uno spirito, una divinità, in ogni bicchiere di Mai Tai c’è un paradiso".
“Come in ogni tiki c’è uno spirito, una divinità, in ogni bicchiere di Mai Tai c’è un paradiso"

RICETTA IBA


  • 4 cl White Rum
  • 2 cl Dark Rum
  • 1.5 cl Orange Curaćao
  • 1.5 cl Orgeat syrup
  • 1 cl Fresh lime juice

Preparazione

Shake and strain into highball glass. Garnish with pineapple spear, mint leaves and lime peel. Serve with straw.

Mai Tai twist

Questo splendido Mai-Tai in barca è opera di @fabri_bartender, un bellissimo twist con 3 tipi di rum: Santa teresa, Don papa e uno ovviamente overproof shorty park, homemade orgeat, homemade Cardamom tincture, lime juice e Acqua di Cedro. Fabrizio è una macchina sforna cocktail, ultimamente ha preso parte alla finale organizzata dalla Vodka Beluga con un cocktail PAZZESCO, vi consigliamo di passare a trovarlo nel suo profilo.
Mai Tai
Lui è Roberto Scotto, classe 84,professione Bartender, brand ambassador per PURE SARDINIA,trainer presso The Bartenders Scuola Barman,bartender presso @Civico8Sassari,18 anni di amore dedicato al mondo della miscelazione, Flair Bartender.

Con un Back Ground di più di 100 banconi, Brand, eventi nell'isola Italia e all' estero.Tra cui
MERCEDES-BENZ, PARTECIPAZIONI A VIDEO MUSICALI, GARE DI FLAIR, EVENTI PER BENEFICENZA, FIERE (BCB Berlino, Gin day, Man's world, shake your world, Wine festival).
Aggiungiamo che ha anche un bellissimo profilo,da cui prendere spunto.
Mediterranean Mai Tai
Questo Mediterranean Mai Tai realizzato dal bartender Giuliano Martorana della Caffetteria Mazi un drink con prodotti unicamente della terra Siciliana: Rum Scuro,Rum Bianco,Sciroppo Homemade di mandorle Bio,Liquore d'Arancia Homemade,Succo di Limone Verdello,Dash Orange Bitter.
Guarnito con Zest Limone e Menta Piperita.
La loro rivisitazione del drink Polinesiano, con Contaminazione interamente in Chiave Mediterranea. Tutto il cuore della Sicilia in questo cocktail.
https://www.instagram.com/plounge_celebratinglife
Ormai lo stile di Andrea lo si riconosce subito, una cura al dettaglio pazzesca, in modo da colpire il cliente ancora prima di assaggiare le sue creazioni. 

Questo viaggio nella cultura Tiki è giunto al termine, se questo articolo vi è piaciuto fatecelo sapere commentando il post sulla nostra pagina IG.

ALLA PROSSIMA "TEAM LELEVICH"


Commenti

Post popolari in questo blog

"NURAGICAMUG" la Tiki Mug italiana dal cuore sardo

Come si valuta il costo di un drink?

“DRINK KONG”,ROMA,cocktail bar MONTI, prezzo e drink PATRIK PISTOLESI